Certe volte anche una come me sente il bisogno di cibi light. E quando, dopo l’ennesima cena natalizia ho sentito – come dice il mio amico Bordino – la lavatrice nello stomaco, ho capito che era il caso di tenersi leggeri per qualche giorno.

Io e la mia sporta siamo andate al mercato, posto ideale per esercitare la mia naturale propensione alla perdita di tempo: mi aggiro tra i banchi, mi distraggo a guardare bambini buffi, tutte le vecchiette mi attaccano il bottone, si vede che ce l’ho proprio scritto in faccia che una chiacchiera non si nega a nessuno. Sono così, distratta e dispersiva. Quando però ho adocchiato dei finocchi piccoli piccoli che promettevano di essere croccanti, mi sono precipitata a fare la fila per non farmeli sfuggire. Per via della passione per le cruditè: non certo per i motivi salutistici che starete pensando voi, ma per le salse fighissime che le accompagnano.

Così ho preparato questa insalata che ho servito con un intingolo di olive capperi e acciughe. Un secondo leggero, perfetto dopo i paccheri col ragù di tonno.

Insalata di finocchi e arance
Chef: 
 

Ingredienti
  • 4 finocchi tenerissimi
  • 3 arance tarocco
  • fiori di capperi
  • olive nere greche
  • 2 acciughe
  • 1limone
  • qualche cappero
  • olio evo
  • sale e pepe

Preparazione
  1. Sbucciate le arance e spellate accuratamente gli spicchi.
  2. Lavate e affettate i finocchi sottilissimi.
  3. Frullate le acciughe, il succo di limone, qualche cappero.
  4. Unite al composto l’olio, il sale e il pepe, emulsionate energicamente e mettete da parte.
  5. Disponete in piatti individuali i finocchi, le arance, le olive e i frutti di cappero e condite con l’emulsione.