Non lasciatevi ingannare, la ricetta di oggi è una riflessione sull’importanza dei dettagli. E sulla buona abitudine di lasciarsi alle spalle le regole canoniche.

Nella mia testa il risotto col radicchio non è mai stato una roba particolarmente invitante. Buono ma non entusiasmante, con quella verdura che alla fine risulta irrimediabilmente livida e flaccida (mia madre direbbe “ben cotta”, questione di punti di vista, evidentemente). Uno di quei classici che vivono di rendita e che lasciano un retrogusto di delusione e di dubbio. E ogni volta che mi capitava di mangiarlo in giro (a casa non credo di averlo mai fatto prima d’ora) una vocina impertinente dentro di me si chiedeva dove stesse l’errore.

Vivevo ignara e felice fino a quando non ho visto una puntata di “Cucine da incubo”. Chef Cannavacciuolo, intento a risollevare le sorti di un ristorante veneto e a rieducare la ciurma in cucina, stava allestendo un nuovo menu facendo man bassa fra le ricette della tradizione e i prodotti del territorio. Il tutto mentre gesticolava forsennato e lanciava improperi in napoletano. Fin qui nulla di nuovo. Se non fosse che poi si metteva a insegnare a preparare il risotto col radicchio. E lì ha avuto la mia attenzione. La vocina dentro di me gongolava dicendosi certa che avrei imparato qualcosa.

Non ci crederete, ma il trucco è non far cuocere la verdura, per preservare colore e croccantezza. Che a ben pensarci sono i motivi per cui mi piace tanto questa insalata invernale. Banale, ma a me non sarebbe mai venuto in mente. Inutile dire che il giorno dopo ho preparato questo risotto bianco e cremoso. L’ho mantecato con gorgonzola dolce e spolverizzato con noci tritate. Il radicchio è arrivato solo alla fine, a crudo, ma è stato protagonista ugualmente.

Risotto al gorgonzola con noci e radicchio
Chef: 
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 

Persone: 4
 

Ingredienti
  • 350 gr di riso carnaroli
  • 1 piccolo cespo di radicchio tardivo
  • 100 gr di gorgonzola dolce
  • 50 gr di noci sgusciate
  • 1 litro di brodo vegetale
  • 1 scalogno
  • burro
  • sale
  • pepe

Preparazione
  1. Lavate e asciugate il radicchio. Tagliatelo a grossi tocchi e tenetelo da parte.
  2. Sminuzzate lo scalogno con la mezzaluna e fatelo soffriggere in padella antiaderente con una noce di burro e un paio di cucchiai di olio.
  3. Appena è dorato aggiungete il riso e fatelo tostare.
  4. Aggiungete il brodo bollente poco alla volta, a mano a mano che il riso lo assorbe.
  5. Verso fine cottura (ci vorranno mediamente 15 minuti) aggiungete le noci tritate, tenendone da parte qualcuna per la guarnizione del piatto.
  6. Regolate di sale e spolverizzate con pepe nero.
  7. Spegnete il fuoco, mantecate con il gorgonzola e solo a questo punto aggiungete il radicchio tagliato a tocchetti.
  8. Amalgamate bene, guarnite con noci e foglie intere e buon appetito.