A volte capita di faticare per un’ora e mezza ai fornelli per poi constatare che il risultato non è esattamente all’altezza delle aspettative. A me capita di sicuro se ho ospiti, sarà colpa dell’ansia da prestazione? O peggio ancora se faccio esperimenti di testa mia. Come questo risotto. Me lo sono inventata, ma la prima volta che l’ho fatto è stato un clamoroso insuccesso: umiliata da me stessa ho dovuto chiedere scusa in casa.
Ma siccome sono testarda e pensavo che l’abbinamento potesse funzionare, ci ho riprovato fino a quando non ho ottenuto un risultato soddisfacente.

Questa che vi propongo è la versione consolidata. Se vi piace la verza provate a farla e fatemi sapere com’è.

Risotto alla verza con stracchino e pistacchi
Chef: 
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 

Persone: 4
 

Ingredienti
  • 500 g di verza
  • mezza cipolla bionda
  • 350 g di riso per risotti
  • 100 g di stracchino
  • una manciata di pistacchi
  • 2 cucchiai di aceto bianco
  • ½ l di brodo vegetale
  • olio evo
  • parmigiano reggiano
  • burro
  • pepe nero

Preparazione
  1. Tritate finemente la cipolla e fatela imbiondire nell’olio caldo.
  2. Pulite la verza eliminando le foglie più esterne, tagliatela a listarelle e aggiungetela alla cipolla.
  3. Fate rosolare per qualche minuto, sfumate con l’aceto e fate stufare aggiungendo il brodo quando il fondo di cottura si consuma.
  4. Unite alla verza il riso, fatelo tostare e aggiungete metà dei pistacchi tritati grossolanamente.
  5. Portate a cottura con il brodo.
  6. Scottate velocemente in acqua bollente le foglie della verza che avete scartato e mettetele da parte.
  7. Mantecate il risotto con il burro, il parmigiano e lo stracchino.
  8. Lasciate riposare e impiattate sulle foglie di verza.
  9. Cospargete con pepe nero, scaglie di parmigiano e i pistacchi interi e servite caldissimo.