Finalmente domenica scorsa ho mantenuto la promessa. Con qualche anno di ritardo, ma l’importante era recuperare credibilità. Il mio fidanzato, patito di dolci con una passione speciale per quelli al cucchiaio, aspettava da anni di assaggiare il mio tiramisù.

E così, complice il pomeriggio uggioso, mi sono messa all’opera. Solo per farlo felice.

Tra le mille varianti ho preferito la versione in cui non si usano uova crude. A dispetto di tutti i proclami di freschezza sulle confezioni, io resto diffidente. Avevo solo un’unica perplessità: temevo che con la cottura, anche se brevissima e a bagnomaria, il gusto finale potesse risultare diverso. E invece no, sono stata piacevolemte stupita del risultato.

Tiramisù classico al bicchiere
Chef: 
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 

Persone: 6
 

Ingredienti
  • 300 g di mascarpone
  • 3 dl di panna fresca
  • 20 savoiardi
  • 100 g di zucchero
  • 3 tuorli
  • 1 tazzina di marsala secco
  • 1 cucchiaio di rum scuro
  • 50 g di cacao amaro in polvere

Preparazione
  1. Lavorate con la frusta, direttamente in una casseruola, i tuorli e 3 cucchiai di zucchero fino a rendere il composto soffice e voluminoso.
  2. Aggiungete il rum e continuate a montare delicatamente.
  3. Mettete la casseruola a bagnomaria e fate cuocere mescolando per pochi minuti, fino a far raddoppiare di volume.
  4. Lavorate il mascarpone, la panna e lo zucchero rimasto fino ad ottenere una crema omogenea (assicuratevi che non si sentano i granelli di zucchero!).
  5. Unite la crema allo zabaione: siate delicati altrimenti vi si smonta…
  6. Imbevete i savoiardi nella bagna preparata col caffè freddo, un cucchiaio di zucchero e il rum.
  7. Prendete delle coppe monoporzione, versate sul fondo un pò di crema.
  8. Disponete i biscotti spezzati, coprite con la crema, spolverizzate col cacao e fate un altro strato.
  9. Sigillate con la pellicola e lasciate in frigo per almeno due ore.